Il Bataclan annuncia una serie di concerti

Un anno dopo, giorno più giorno meno, il Bataclan riaprirà. La sala concerti, diventata tristemente nota per l’attentato dello scorso 13 novembre, in un comunicato ha precisato che la data di riapertura non è al momento stata fissata. Ma ha annunciato che Pete Doherty, di casa a Parigi, si esibirà il 16 novembre. Due sere dopo sarà la volta di Youssou N’Dour e i senegalesi Super Etoile de Dakar, quindi il 2 dicembre gli americani Nada Surf e il 3 dicembre MZ.
“Altri concerti e spettacoli saranno annunciati nei prossimi giorni”, dicono dalle parti della sala, con il loro stile asciutto e anti retorico mostrato  nelle settimane successive all’attentato.

Sulla loro pagina facebook hanno aggiunto che i lavori di rinnovo della sala sono iniziati, “restauro delle infrastrutture e degli equipaggiamenti, senza cambiamenti. Cercheremo di preservarne il calore e la convivialità, mantenendo lo spirito popolare e festoso che l’ha sempre caratterizzato”. La proprietà del Bataclan, da qualche anno, è del gruppo Legardère, colosso dell’editoria (Elle, Paris Match, Le Journal de Dimanche, Hachette) e non solo di cui, dal 2011, il Qatar Investment Authority, filiale del fondo sovrano dell’emirato del Qatar, è diventato azionista principale.