La vita di Adèle, dopo Adele

Soave apparizione, mucose in continua attività, una purezza istintiva da brividi, Adèle Exarchopoulos ha fatto irruzione nel cinema mondiale con la prima proiezione de La vita di Adele di Abdellatif Kechiche. C’è rimasta, decisa sotto i riflettori, per parecchio, avendo vinto la Palma d’oro, in maniera inusuale consegnata, oltre che al film e al suo regista, anche a lei e alla splendida Léa Seydoux, testimoniando il loro ruolo decisivo in quel magnifico film.

Da quel momento non è che Adèle sia riuscita a trovare copioni troppo interessanti, chissà invece se Eperdument, uscito da qualche settimana in Francia, sia la volta buona, visto il collega che l’affianca, il bravo Guillaume Gallienne della Comédie Française.

Di seguito un mio video commento sul film.